Stampa

Breve storia della società Amatori Velo Lainate

La nostra storia parte da lontano. Ha inizio il 30 gennaio del 1976, più di 26 anni fa, quando un pugno di appassionati lainatesi delle due ruote decise di dare vita a un nuovo gruppo sportivo con lo scopo, come recita lo statuto, di "praticare e incrementare lo sport ciclistico promuovendo ogni forma agonistica e turistica di attività ciclistica".

Il nome fu presto trovato, Amatori Velo Lainate, così come i colori sociali, maglia gialla con mezze maniche e bordi blu. Fu trovata anche la prima sede, grazie all’ospitalità offerta dall’Oratorio Maschile di Lainate, e fu eletto il primo Consiglio Direttivo: primo presidente fu scelto Giorgio Allievi, coadiuvato dal vice presidente Silverio Taverna, entrambi tra i fondatori della società.

La prima decisione del nuovo sodalizio fu quella di affiliarsi alla Federazione Ciclistica Italiana (FCI), affiliazione mantenuta in tutti gli anni successivi e fino ad oggi; in tempi più recenti si è aggiunta anche l’affiliazione all’UDACE, l’altra lega ciclistica più rappresentativa, così da aumentare e diversificare le possibilità di scelta degli associati tra l’attività prevalentemente amatoriale-turistica (partecipazione a raduni, medio fondo e gran fondo) e quella agonistica.

Il 24 settembre dello stesso anno 1976 fu organizzato il primo campionato sociale in circuito che si concluse con la vittoria del socio Arcangelo Moser.

Nel frattempo l’ esiguo gruppo iniziale di 35 unità, crebbe progressivamente fino ad arrivare a fine anno a contare ben 106 iscritti e l’anno successivo, 1977, si arrivò addirittura al record storico di 174 tesserati.

Il 1977 si fa ricordare, oltre che per questo record, anche per l’organizzazione del 1° Raduno di Primavera (11 aprile 1977), che divenne un tradizionale appuntamento annuale richiamante ogni volta centinaia di ciclisti; quell’anno si ebbe la presenza di 881 partecipanti in rappresentanza di decine di società ciclistiche della nostra provincia. A ottobre poi fu organizzato il Campionato sociale a cronometro, anche questo ripetuto con varie formule e modalità negli anni successivi. Fu anche per la prima volta introdotta la classifica a punti per l’Amatore più rappresentativo : quell’anno risultò vincitore il socio Mario Cogliati.

La società si era ormai consolidata e, anno dopo anno, sotto la guida dei vari Presidenti e dei Consigli che si sono man mano succeduti, ha continuato a portare sulle strade d’Italia, e non solo, i suoi atleti in maglia giallo-blu.

Le tante manifestazioni ciclistiche (raduni, medio fondo, gran fondo) che hanno visto i nostri colori alla partenza non si contano. Fra tutte, ci piace ricordare, solo a titolo di esempio, alcune tra le più significative tappe e affermazioni della società:

1978 - vincitori di selezione e di categoria della manifestazione Giocosport organizzata dalla Provincia di Milano. Partecipazione a 35 raduni , tre volte primi classificati.

1988 - promozione alla prima categoria FCI, vale a dire ammissione al ristretto gruppo di 20 società lombarde con il maggior numero di presenze ai raduni della Federazione Ciclistica. Tale posizione di prestigio venne mantenuta per alcuni anni finchè la diversificazione dei programmi e degli interessi dei soci portò la società a puntare ad altri obbiettivi.

Piace anche ricordare che, abbandonata la prima angusta sede, la società ha trovato ospitalità nei più spaziosi locali di via Manzoni 17/8 ove i soci si radunano ogni venerdì sera per discutere e preparare le uscite della domenica.

Sono trascorsi molti anni dalla fondazione: molti di noi hanno ora i capelli grigi ma la passione per la bici resta immutata e così la certezza che i giovani che sono venuti ad aggiungersi al nostro gruppo sapranno dare continuità al nostro impegno. Quanti chilometri abbiamo percorso, quanta fatica, ma anche tanta soddisfazione per il raggiungimento di importanti traguardi. E la storia continua….

Categoria: tutto su di noi
Visite: 3764